Dieci consigli per migliorare se stessi

Migliorare se stessi,

lezioni imparate facendo errori nei miei ultimi venti anni di lavoro, e di vita privata.

Uno dei più grandi errori che facciamo è pensare che impariamo sempre dai nostri errori.

Ho incontrato abbastanza persone che hanno imparato poco dalla loro stessa stupidità.

Ognuno di noi conosce persone così, che sbagliano e poi continuano a sbagliare. Ne Conosciamo tutti. In effetti, spesso siamo anche noi, così. Lo sai perché?

È dannatamente difficile imparare dai propri errori.

Non ho mai incontrato nessuno a cui piacesse non riuscire a comprendere cosa sbaglia.

Siamo onesti, a nessuno piace commettere errori e perdere tempo, energia o denaro. Ecco perché dobbiamo fare uno sforzo per imparare dalle cose che vorremmo non fare. Il padre della filosofia funzionale e della filosofia pragmatica, John Dewey, ha chiarito questo punto:

“Chi riflette sul serio impara tanto dai suoi fallimenti quanto dai suoi successi”.

Imparare dai propri errori non avviene automaticamente: richiede attenzione e riflessione. Quindi ecco la mia lista di cose che ho imparato attraverso gli errori commessi nei miei vent’anni. Eccoci qui:

Dieci consigli per migliorare se stessi

1. Non pensare di sapere tutto

C’è una parola per le persone che pensano di sapere tutto: idiota. Incontro idioti continuamente. E la ragione per cui li riconosco è perché ne ero uno, anche io: credevo di sapere tutto, di non sbagliare mai.

Ogni volta che non ascolti gli altri, quando vuoi sembrare intelligente, o pensi di sapere tutto: sei un idiota. È tempo di mettere il tuo ego da parte e capire che nella vita non c’è bisogno di stupire nessuno!

In riferimento alla realizzazione, la collaborazione e il bene comune. Se vuoi ottenere queste cose, devi essere umile. Ma ci sono buone notizie per le persone che si arrabbiano con gli idioti: se non decidono di diventare umili, ad un certo punto, nonostante la loro volontà, la vita li renderà umili.

2. Non incolpare mai le persone per la tua infelicità

Da bambino, gli altri si prendono cura di te. I tuoi genitori, fratelli, familiari, genitori adottivi o qualsiasi altra persona che si prenda questa la responsabilità. Quindi, presumi che, sempre, qualcuno sia responsabile per te.

Non è vero. Quando cresci, sei solo tu responsabile di te stesso. Quindi non dare la colpa mai agli altri quando sei infelice, non è giusto per le persone che incontri nella tua vita. Invece, accetta la tua infelicità e poi fai qualcosa al riguardo.

3. Basta a dedicare il tuo tempo alle persone sbagliate

Potrebbe capitare che le persone che frequenti non condividano le tue stesse idee. In questi ultimi vent’anni mi è capitato più volte di dover mettere a disposizione, tempo e risorse con persone con quali sentivo di non aver alcuna affinità.

Ma, non è così semplice. Ognuno vive come vuole. Ci sono persone che si comportano diversamente da quello che ti piace. Persone ben contente di dedicare il loro tempo a guardare la TV, per esempio.

Non lasciare che gli altri possano condizionare la tua vita. La posta in gioco è alta.

4. L’amore non è proprio quel che immagini

Molti hanno questa idea distorta della vita. “Voglio che lei mi si comporti così, in questo modo”. Chi sei tu per pretendere una cosa del genere? E se l’altro non è all’altezza delle tue aspettative, o non lo sei tu, cosa succede? Molli tutto?

Non bisogna mettere condizioni a nessuno. È difficile lasciare perdere le proprie aspettative in un rapporto personale. Ma devi. Altrimenti, non sarai mai felice. Impara a farti, anche da parte, ed ascolta il tuo partner.

5. Veramente non abbiamo tanto tempo

Quando sei giovane, pensi di avere un mare di tempo. Puoi fare tutto ciò che vuoi. E poi in un battito ci ciglia festeggi il tuo quarantesimo compleanno.

È una questione di semplice matematica. Basta porsi queste domande:

  • Quanto tempo sto sprecando per cose che mi danno zero soddisfazione?
  • Mi piace il mio lavoro?
  • Tutti i giorni sono con le persone che mi piacciono?

Le risposte a queste domande ti daranno chiarezza su come stai usando il tuo tempo.

6. Probabilmente NON sei fantastico come pensi di essere, pur restando unico e speciale

C’è sempre qualcuno di più bello, più intelligente, più in gamba, più forte, o più qualcos’altro che ti sta più a cuore. Sempre.

Quindi smettila di pensare che sei fantastico. Rispetto a cosa? Perché questa affermazione implica che stai confrontando te stesso con qualcun altro. Sii te stesso e non confonderti paragonandoti ad un altro. Piuttosto resta unico e speciale nella tua individualità.

7. Non smettere mai di imparare

Ascolta, quando smetti di imparare e di lavorare su te stesso: sei morto. Non sto scherzando. Quando ho smesso di studiare, ho smesso di imparare. Indovina cosa è successo? Mi sono sentito bloccato per molto tempo, poi ho capito che studiare è una delle cose più interessanti che io possa fare.

Sforzati di imparare qualcosa di nuovo ogni giorno. Pensa questo, che, se non stai migliorando, allora stai peggiorando.

8. Spingersi in cose difficili da più soddisfazioni

Per tanto tempo sono scappato dalle cose difficili. Migliorare te stesso, lavorare, risparmiare denaro, costruire un business, aiutare gli altri, investire tempo nella tua relazione – è difficile quando lo fai nel modo giusto.

Ma fare queste cose difficili avrà più ritorno sulla tua vita, tempo, energia e denaro.

Quando fai qualcosa che richiede un grande sforzo, ti senti bene.

Quando sei stanco e vai in palestra per un duro lavoro, senti un senso di realizzazione e orgoglio che non ha eguali.

9. Momenti di solitudine danno i loro risultati

Se non puoi mai stare da solo: preoccupati. Vengo da una famiglia molto affiatata, e ho sempre avuto amici intimi. Ma ho capito che avevo bisogno di stare da solo per crescere. Così, da anni, esco per lunghe corse nei boschi. In quello stato di solitudine percepisco quello che mi sta intorno ed ascolto i messaggi che arrivano dal mio corpo, dal mio intimo più profondo.

Quando sei da solo, hai il tempo di sapere chi sei. Quando sei sempre con gli altri, sei solo un prodotto delle altre persone della tua vita. A volte hai bisogno di prendere le distanze dagli altri, ciò ti renderà una persona migliore.

10. Piccole decisioni portano a grandi risultati

Un altro bicchiere non farebbe male, giusto? Dormire oggi non è male, giusto? A nessuno importa se salto il mio allenamento oggi, giusto? Posso spendere mille euro per un nuovo computer, giusto?

La risposta è no, no, no, no e NO ad ogni altra piccola decisione che pensi non abbia alcun impatto sulla tua vita. La verità è che la tua vita è il risultato delle piccole decisioni.

Sei quello che fai ogni giorno.La grande novità è questa, davvero, sorprendente, vero.

Ciò significa che puoi trasformare la tua vita oggi – semplicemente facendo qualcosa di piccolo che ha un buon impatto sulla tua vita.

E se continuassi a fare errori? Chi se ne frega? Assicurati solo di imparare sempre da quello che fai.

È lo stesso con la tua carriera. Se non stai facendo cose difficili, non essere sorpreso se non ti senti vivo.

Learning from mistakes - Darius Foroux

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: